Chiedete di aggiungetevi al
nostro Gruppo su FB qui


Logo Sisuista

La nostra pagina FB



Sisu Gio Su FB
Fecebook

La Pagina di  ღ Sisu ღ



Il Gruppo FB Sisu e l'Arte



Pagina Carnia e Ombre
Carnia e Ombre


In favore delle
Malattie Rare

Malattie Rare

Associazione Malattia Rara
di Behcet



Cani da Utilità
per disabili


Cani per handicap

Altri miei siti e blog


Grafica ...ancora grafica

Il Blog su Wordpress
Blog Sisucolori


Questo sito non fa uso di cookies di
profilazione per i quali é richiesto il
consenso del navigatore come meglio
specificato nella pagina
del garante della privacy

 


BENVENUTI IN


TheWorldSisu

 

tra leggenda e realtà



                            RIFLESSIONE SISUISTA:

TRA LA LEGGENDA E LA REALTA’
DEGLI INDIANI D’AMERICA


di Giacomo Montana

Un vecchio capo indiano cherokee durante la marcia chiamata "Sentiero delle lacrime", perché in quel tratto morirono in guerra migliaia di loro, se ne stava nella sua capanna a meditare sulla vita e la sopravvivenza della tribù, resa difficoltosa dalle gravi perdite, causate ai loro danni, dai coloni americani invasori. In quel mentre fuori imperversava un violento temporale e il vento scuoteva i rami degli alberi lungo tutto il loro percorso. Il tuono rimbombava più volte e il cielo era illuminato dai lampi, mentre una pioggia generata, accumulata e sempre meno gentile, arrivava come manna dal cielo per i campi del circondario, che da essa traevano beneficio. (Morale: “ciò che sembra spaventoso in realtà poi, in certi casi non lo è”). Quel capo indiano pensava che lo stesso accade nella vita dell'uomo, quando qualcuno, in preda ad un clima burrascoso, rompe il proprio silenzio, difendendosi, per fare trarre beneficio a chi, (tra i quali donne e bambini), per sopravvivere e per non morire, attende fiducioso una azione tuonante di legittima difesa. Egli aveva compreso che il silenzio e la benevolenza si devono trasformare in reazione contro chi si mostra ostile e devastante. La conclusione di quel capo cherokee è questa: “quando nessuno ascolta la tribù che vuole la pace, essa non può arrivare a darsi per vinta a ciel sereno, favorendo così la propria conseguente completa sopraffazione e morte, senza lottare col dovuto inevitabile frastuono”.
Malgrado tutto, dopo il “temporale”, si vedono anche qui i risultati, senza alcun dubbio positivi per la sopravvivenza, attraverso le neo piantate radici della più conveniente lealtà, giustizia e fratellanza per tutti. La pace e una raggiunta equilibrata armonia ritornano essenziali e il trascorso burrascoso e le terribili uccisioni, dovranno restare un monito, attraverso la moderazione, la saggezza e la comprensione. Ciò per continuare a fare mantenere e beneficiare a tutti del diritto alla pace e alla vita. Giacomo Jim Montana

 


 

Thanks For Visiting
Optmized for 1024 x 768
© Giovanna Nigris
All Rights Reserved
2004- 2015 mobbing-sisu.com
^ Torna a inizio pagina


Valid HTML 4.01 Transitional Valid HTML 4.01 Transitional